ARRI partner del

Festival Internazionale del Documentario di Amsterdam

(30 novembre 2015, Monaco) - Quest’anno ARRI è stato uno dei partner del Festival Internazionale del Documentario di Amsterdam (IDFA), contribuendo come sponsor di due premi, organizzando diversi eventi e presentando AMIRA, videocamera caratterizzata da un’alta versatilità.

 

Grazie alla partecipazione di 2500 professionisti del documentario provenienti da tutto il mondo e ad 11 giorni di proiezioni, eventi legati al settore e tavole rotonde, IDFA è uno degli eventi chiave nel calendario della produzione cinematografica. Dal 19 al 27 novembre, ARRI ha organizzato nove colazioni con i film maker presso il Café de Jaren ad Amsterdam. In questa occasione gli ospiti hanno avuto modo di scoprire le caratteristiche della videocamera AMIRA, apprezzata dai documentaristi di tutto il mondo. ARRI ha anche sponsorizzato due cene con i film maker il 21 e il 23 novembre, alle quali ha invitato registi e direttori della fotografia dei film in gara.

 

I partecipanti al Festival hanno rapidamente colto l’occasione di provare con mano AMIRA, apprezzata per la sua adattabilità a molteplici usi e per la sua ergonomia. Markus Dürr, product manager di AMIRA, ha avuto modo di rispondere a diverse domande e di aggiornare i film maker circa le ultime novità di casa ARRI, commentando in seguito: “Per noi è stato un onore essere parte dell’universo IDFA, avere l’occasione di incontrare film maker di talento e di lasciargli provare i nostri prodotti, in particolare AMIRA, che riteniamo essere uno strumento adatto alla produzione di documentari”.

 

ARRI ha sponsorizzato due premi prestigiosi all’IDFA 2015. In primis è stato assegnato, assieme ad un premio di 5000 euro, l’ARRI IDFA Award per il Miglior Documentario prodotto da uno studente, andato al documentario di Melissa Langer “My Aleppo”, film incentrato sulla vita quotidiana di una famiglia in fuga dalla propria patria in guerra. Con il documentario The Mute’s House, che racconta  la caotica vita familiare di un ragazzo palestinese che vive nel quartiere ebraico di Hebron, il regista Tamar Kay ha vinto invece il premio speciale della giuria per il Miglior Documentario prodotto da uno studente, e con esso la possibilità di utilizzare gratuitamente una AMIRA per la sua prossima produzione.

 

La giuria internazionale, composta da tre membri, ha acclamato la capacità di Langer di trattare temi quali la separazione, la malinconia, la confusione e il rimpianto, e ha elogiato la giocosa interazione fra videocamera e protagonisti nel film di Kay.

ARRI Italia S.r.l. a Socio Unico | Via Achille Grandi, 50 – 20017 Rho (MI) - tel. +39 02 26227175 - info@arri.it

Cap. Soc. 800.000 int. Vers. - Registro Imprese di Milano 07108170585 R.E.A. Milano1243154 - C.F. 07108170585 - P.I. 02320390962

design by: Viral Idea Project